l’immaginario abita qui – la Reggia di Caserta-

“L’immaginario abita qui”: La Reggia di CasertaQuello che oggi vi propongo è una visione diversa della “Reggia di Caserta”sicuramente di questa splendida dama sappiamo che è un emulo di Versailles, l’abbiamo già detto  che da Versailles in poi i giardini reali furono parchi di potere, ma ho sempre pensato che i giardini seguano di pari passo le evoluzioni storiche e soprattutto letterarie, ossia vanno letti, ed anche la Reggia di Caserta non sfugge a questa regola.Reggia di caserta

La storia di questo parco racconta il rapporto dell’uomo con il territorio e con la storia dell’arte, mettendo un po’ da parte la sua evoluzione per la cultura orticola, qui convivono tradizione rinascimentale e barocca per finire al giardino inglese realizzato molti anni dopo, ma come dicevamo, a noi non interessano in questo momento le collezioni botaniche, e questo perché la nostra vista è rapita dalla grandiosità delle realizzazioni scultoree che lo popolano: meravigliosi modelli mitologici e fortemente simbolici che si rincorrono su un asse longitudinale unico.

Reggia di Caserta

Le Metamorfosi di Ovidio campeggiano, le fontane sottolineano il percorso simbolico, inutile dirsi: il potere dei  Borboni sulle Due Sicilie.Ma le rovine prima, e, le realizzazioni scultoree dopo, sono state sempre abitanti  fedeli  dei giardini e dei parchi: la rovina risponde ad un’esigenza di  estetica e di sentimento, l’avevano già scoperto prima i Greci  poi i romani , gli stilopinakia, facevano gran mostra di sé  nei giardini degli antichi romani. Molto più vere e drammatiche le rovine all’ alba del medioevo, dove arbusti  e rose spontanee crescevano all’ ombra di colonne spezzate, templi  decaduti, e fra i pavimenti delle  meravigliose  ville patrizie, per poi rinobilitarsi in ambito rinascimentale come memento di un passato glorioso e nobile, il rudere abbattuto dal tempo, grande scultore, evoca immagini e sensazioni  malinconiche, trasformando il giardino in un luogo di meditazione e di evocazione.

reggia-di-caserta1-600x400

Meravigliosa e forte è l’immagine della vegetazione che prepotentemente ricopre il rudere, o quel che rimane dell’edificio:  la natura che si riappropria di uno spazio  creato dall’uomo, e siccome arte dei giardini, storia, e letteratura si tengono per mano , in trasparenza leggiamo Le Génie du Christianisme, de François-René de Chateaubriand , e rivediamo l’uomo che passeggia sulle proprie rovine.

Ecco, questa è la versione che volevo darvi dei meravigliosi giardini della Reggia di Caserta, una chiave di lettura nella sua evoluzione storico-letteraria, perché i giardini sono anche da leggere…

Una curiosità: nascosta nel romantico giardino inglese vive la Camelia considerata la più vecchia d’Europa, quasi due secoli, tant’è vero che era usanza piantare un arbusto di camelia alla nascita di un bambino, affinché fosse spettatrice delle future generazioni.

reggia di casrta tempio 2

La Vostra psico-terra-peuta

Edwige Mormile

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...