Su di me

hortus me

 

Giardiniere, paesaggista, cultore ed appassionata del “verde “, formazione di studi Umanistici, specializzata in recupero e restauro di giardini antichi, e la formazione umanistica ha sempre condizionato il suo sguardo sulla natura. Attenta al recupero del mito legato alla natura; indissolubilmente legata all’idea che un paesaggio debba essere riportato fra le mura domestiche, rispolverando gli antichi adagio delle “stanze verdi”, non deve solo funzionare, ma emozionare … e tutto questo è possibile solo attraverso la fruizione dei cinque sensi: un percorso verde che sia un giardino, un terrazzo, un balcone deve essere una nuvola sensoriale, ed allora la vista e i colori, il gusto e i sapori, l’olfatto e i profumi, l’udito e i fruscii … il tatto e la raccolta ecco il giardino …

«Non mi rendevo conto che diventavo un paesaggista leggendo Etruscan places di Lawrence oppure Nachsommer di Stifter» 

io e bimba

Annunci